Bando Internazionalizzazione Imprenditoria Lombarda

Il bando è volto alla promozione dell’internazionalizzazione dell’imprenditoria lombarda.

Nello specifico, il bando è a supporto della realizzazione di progetti di internazionalizzazione da parte di PMI volti allo sviluppo e al consolidamento delle stesse nei mercati esteri.

L’agevolazione consiste in un finanziamento a medio-lungo termine fino all’80% della spesa complessiva ammissibile. Importo compreso tra € 50.000 e € 500.000.

Finalità

Il bando si propone di promuovere l’internazionalizzazione del tessuto imprenditoriale lombardo supportando la realizzazione di progetti di internazionalizzazione complessi da parte di PMI tramite programmi integrati atti a sviluppare e/o consolidare la presenza e la capacità di azione delle stesse nei mercati esteri.

Beneficiari

PMI iscritte al Registro delle Imprese ed attive da almeno 24  mesi con sede operativa in Lombardia.

Spese Ammissibili

Sono ammissibili i Progetti riguardanti programmi integrati di sviluppo internazionale, tesi alla creazione di un portafoglio articolato di servizi e attività per la partecipazione a iniziative finalizzate ad avviare in maniera strutturata e/o consolidare il proprio business nei mercati esteri attraverso lo sviluppo e/o il consolidamento della presenza e della capacità d’azione delle PMI.

Le spese ammissibili devono essere riconducibili alle seguenti tipologie:

  • Partecipazione a fiere internazionali in Italia e all’estero e ad eventi a queste collegati organizzati al massimo 10 giorni prima o dopo la fiera (ad es. workshop, eventi B2b, seminari, ecc.)

Esempi:

– affitto spazi e locali

– noleggio di stand

– acquisto e noleggio di materiali ai fini dell’allestimento dei locali/spazi/stand (arredi, attrezzature e strumentazioni tecniche ad esclusione dei macchinari e degli impianti destinati alla produzione)

– quota di partecipazione/iscrizione alle fiere

– servizi di trasporto e similari connessi al trasporto di campionari utilizzati

  • Istituzione temporanea all’estero (per un periodo di massimo 6 mesi) di showroom/spazi espositivi per la promozione dei prodotti/brand sui mercati esteri.

Esempi:

– Interpretariato e traduzione

– spese per la messa a disposizione di personale dedicato (ad inclusione delle hostess) da parte di società intemediarie

– catering

– servizi assicurativi collegati

Non sono ammissibili le spese relative a scorte e l’acquisto di beni usati

  • Azioni di comunicazione ed advertising per la promozione di prodotti o brand su mercati esteri non aventi carattere di vendita diretta o indiretta.

Esempi:

– realizzazione di materiale informativo (realizzazione, redazione e traduzione testi, grafica e stampa, di cataloghi/brochure/cartelle stampa in lingua straniera)

– sviluppo e adeguamento di siti web per i mercati esteri

– azioni di web marketing

Non sono ammissibili le spese relative alla realizzazione di siti web finalizzati alla vendita on line di prodotti o servizi. Qualora un sito web abbia una sezione di vendita on line, il costo per lo sviluppo e l’adeguamento di tale sezione non costituisce spesa ammissibile.

  • Consulenze in relazione al Progetto e al programma di internazionalizzazione.

Esempi:

– Studi di fattibilità

– Ricerca partner esteri

– Certificazioni estere di prodotto

– Analisi di mercato

– Definizione del Progetto e della Domanda di Finanziamento

  • Spese per il conseguimento (no consulenze) di certificazioni estere per prodotti da promuovere nei paesi target (incluse le certificazioni per l’ottenimento dello status di Operatore Economico Autorizzato e delle altre figure di esportatore autorizzato previste dagli accordi di libero scambio siglati dalla UE con Paesi terzi
  • Commissioni per eventuali garanzie fideiussorie
  • Spese per il personale dipendente (in Italia e all’estero) impiegato nel Progetto di internazionalizzazione fino a un massimo del 30% del totale delle spese ammissibili.Non sono ammissibili le spese di viaggio (trasferta e alloggio).
  • Spese generali forfettarie per un massimo del 15% delle spese di personale di cui alla precedente lettera g) .

Contributo

L’agevolazione è concessa nella forma di un Finanziamento a medio-lungo termine.

Il Finanziamento può concorrere sino all’80% della spesa complessiva ammissibile del Progetto.

L’importo del Finanziamento è compreso tra un minimo di Euro 50.000 e un massimo di Euro 500.000.

La durata del Finanziamento è compresa tra i 3 ed i 6 anni, di cui massimo 2 anni di preammortamento, secondo le scadenze indicate nel piano di ammortamento allegato al contratto di Finanziamento.
Rate semestrali costanti posticipate al 30 giugno e al 31 dicembre.
A tale durata si aggiunge il preammortamento tecnico necessario per raggiungere la prima scadenza utile successiva alla data di erogazione.

Il tasso nominale annuo di interesse applicato al Finanziamento è fisso e pari allo 0%.

Apertura Bando

Inoltro domande dalle ore 12:00 del 22/05/2019 sino ad esaurimento della dotazione finanziaria e comunque non oltre il 31/12/2020.

Per tutti i dettagli e per ulteriori informazioni è possibile contattare il nostro professionista di riferimento in materia di finanza agevolata e consulenza aziendale Orazio Marciano

Articoli Correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.