Il Credito d’Imposta per l’Acquisto di Materiali fatti con Plastica Riciclata

Finalità

La Finanziaria 2019 prevede all’art. 1, commi da 73 a 77 il riconoscimento per il 2019 2020 di un credito d’imposta a favore delle imprese per l’acquisto di prodotti realizzati con materiali provenienti dalla raccolta differenziata della plastica ovvero di imballaggi biodegradabili / compostabili o derivati dalla raccolta differenziata di carta / alluminio.

La nuova misura è finalizzata ad “incrementare il riciclaggio delle plastiche miste e degli scarti non pericolosi dei processi di produzione industriale e della lavorazione di selezione e di recupero dei rifiuti solidi urbani, in alternativa all’avvio al recupero energetico” nonché a “ridurre l’impatto ambientale degli imballaggi e il livello di rifiuti non riciclabili derivanti da materiali da imballaggio”.

È demandata ad un Decreto interministeriale l’attuazione della predetta disposizione, con l’individuazione dei requisiti tecnici e delle certificazioni idonee a certificare la natura ecosostenibile dei prodotti / imballaggi secondo la normativa UE e nazionali.

 

Beneficiari

Come sopra accennato, il credito d’imposta in esame è riconosciuto a tutte le imprese che acquistano:

  • prodotti realizzati con materiali provenienti dalla raccolta differenziata degli imballaggi in plastica;
  • imballaggi biodegradabili e compostabili secondo la normativa UNI EN 13432:2002 ovvero derivati dalla raccolta differenziata di carta / alluminio.

 

Contributo

Il credito d’imposta è pari al 36% delle spese sostenute per i predetti acquisti. Tale beneficio presenta le seguenti caratteristiche:

  • è riconosciuto fino ad un importo massimo di € 20.000 annui per ciascun beneficiario;
  • va indicato nel mod. REDDITI relativo al periodo d’imposta di riconoscimento;
  • non è tassato ai fini IRPEF / IRES / IRAP;
  • non rileva ai fini del rapporto di deducibilità degli interessi passivi / componenti negativi ex artt. 61 e 109, comma 5, TUIR.

 

Modalità di Utilizzo

Il credito d’imposta è utilizzabile:

  • esclusivamente in compensazione con il mod. F24, tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, anche per importi superiori a € 250.000, non rilevando il limite di cui all’art. 1, comma 53, Legge n. 244/2007;
  • a decorrere dall’1.1 del periodo d’imposta successivo a quello in cui sono stati effettuati gli acquisti. Così in relazione agli acquisti effettuati nel 2019 il credito d’imposta sarà utilizzabile dall’1.1.2020.
Articoli Correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.